Insegnante di religione cattolica Insegnante di religione cattolica
19/02/2016

La Fede e il Dubbio per immagini

Il cinema come strumento per l’insegnamento di religione a scuola


Area tematica:
Religione
Tipologia evento:
Laboratorio
Destinatari:
Docenti di religione cattolica
Sede:
Fondazione Bruno Kessler - via Santa Croce,77 - Trento
Descrizione:

Il cinema (la settima arte) ha un impatto enorme nell’immaginario contemporaneo ed i suoi influssi interessano direttamente, per i contenuti e per il suo utilizzo didattico, la scuola e, in particolare, la scuola di religione.
Il laboratorio cercherà di fornire strumenti per un uso consapevole e funzionale del cinema a scuola e proverà ad analizzare alcuni esempi proponendo analisi di film che riguardano i valori spirituali, la fede biblica e cristiana ed i temi della fede e del pluralismo religioso.
Il programma indicativo del laboratorio prevede
– 19 febbraio 2016 Leggere un film per l’IRC: il linguaggio delle immagini in movimento.
La lezione fornirà informazioni accessibili e pratiche a proposito del modo più efficace per leggere e interpretare il linguaggio cinematografico, con particolare attenzione alle sue caratteristiche più specifiche (inquadratura, montaggio, movimento). Gli esempi che verranno utilizzati per illustrare l’argomento saranno tratti da film di rilievo didattico per l’IRC.
– 26 febbraio 2016 Animare la religione e la fede: il cortometraggio d’animazione
I cortometraggi sono particolarmente indicati alla visione in classe durante l’IRC: la loro breve durata permette un buon bilanciamento tra tempo di visione e successiva discussione, anche nel volgere di una sola ora di lezione. Inoltre, questo tipo di opere cinematografiche è spesso contraddistinto da idee comunicative forti e immediate; il che va a vantaggio di una più facile interpretazione, senza però sacrificare nulla in quanto a capacità di stimolare lo spirito critico dello spettatore.
Si proporrà un’antologia di cortometraggi commentati sul tema “fede e dubbio”, con particolare attenzione a opere realizzate con tecniche d’animazione.
– 4 marzo 2016 Spiritualità, fede e fantasia: l’animazione giapponese.
In Italia, sin dai tardi anni settanta, l’intrattenimento televisivo è contrassegnato da una forte presenza di opere proveniente dall’estremo Oriente. L’animazione giapponese è ormai da oltre trent’anni un riferimento culturale comune, e ancor oggi riscuote notevole successo tra i giovani; non sempre, tuttavia, a questa familiarità si è accompagnata una reale comprensione e riflessione. Molte delle opere animate prodotte in Giappone, infatti, trattano di temi attinenti con le sfere dello spirituale e del religioso, trasfigurati però da una fantasia che, apparentemente, non conosce limiti. La lezione si proporrà di analizzare alcune opere animate giapponesi (tra le altre, le serie “Neon Genesis Evangelion”, “Haibane Renmei” e “Puella Magi Madoka Magica”, nonché alcuni film dello Studio Ghibli), allo scopo di fornire strumenti e spunti di discussione utili all’IRC.

Periodo di effettuazione:

19/2/2016 - 4/3/2016

 
Scadenza adesioni:

16/2/2016

Livello evento:

Locale - Provinciale

Organizzatori:

Provincia Autonoma di Trento-IPRASE; Arcidiocesi di Trento-Ufficio Educazione e scuola; Fondazione Kessler Trento-Corso superiore di scienze religiose

Informazioni:

Ruggero Morandi
Tel: 0461.491434
E-mail: ruggero.morandi@provincia.tn.it

Correlati:

 
 
Data pubblicazione: 22/12/2015
Invia via E-mail