Accreditamento degli enti per i servizi di validazione e certificazione delle competenze

Procedure e criteri per l’accreditamento, in base al possesso di specifici requisiti, dei soggetti che intendono offrire servizi di validazione e certificazione delle competenze 

AVVISO APERTURA DOMANDE 

A partire dal 1° febbraio fino al 31 marzo 2018 sono aperti i termini di presentazione delle domande di accreditamento per gli enti interessati ad erogare servizi di validazione e certificazione delle competenze.

La domanda di accreditamento va presentata tramite procedura online

Chi può chiedere l’accreditamento

Possono accreditarsi tutti i soggetti pubblici e privati purché in possesso dei seguenti requisiti:

a)    L’atto costitutivo o lo statuto del soggetto giuridico richiedente deve prevedere lo svolgimento di attività di valutazione o di bilancio delle competenze o attività ad esse riconducibili quali la formazione, l’orientamento formativo, l’orientamento professionale, l’incontro domanda-offerta di lavoro, anche a titolo non esclusivo
b)   Il soggetto giuridico richiedente deve essere iscritto, ove specificamente richiesto dalla normativa vigente, al registro delle imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura competente per territorio
c)    Il soggetto giuridico richiedente deve disporre, nell’ambito del territorio della provincia di Trento e per l’intero periodo di durata dell’accreditamento:
- di una o più sedi operative conformi alla normativa in materia di igiene, sanità, sicurezza e accessibilità
- di spazi e/o strumentazioni adeguati e in regola con la normativa vigente di verifica e collaudo tecnico per consentire lo svolgimento delle attività della fase di valutazione e delle prove prestazionali
d)   Il soggetto giuridico richiedente deve dimostrare affidabilità economica e finanziaria.
e)    Il legale rappresentante e gli amministratori del soggetto giuridico richiedente devono dimostrare affidabilità in relazione alla normativa penale e civile in vigore.
f)     Il soggetto giuridico richiedente deve disporre di una dotazione di risorse gestionali e professionali in grado di assicurare un assetto organizzativo professionale stabile, atto a garantire il presidio funzionale dei processi di direzione, di gestione economico-amministrativa e di erogazione dei servizi.
g)   Il soggetto giuridico richiedente deve disporre di risorse umane con specifica professionalità per lo svolgimento delle attività previste per i servizi di validazione e certificazione delle competenze nell’ambito del settore economico-professionale dichiarato.

Devono essere in possesso dei soli requisiti di cui al punto c) e g) le seguenti categorie dei soggetti pubblici e privati:

  1. ente accreditato per l'attuazione dei programmi operativi 2014-2020 del fondo sociale europeo e del fondo europeo di sviluppo regionale
  2. ente accreditato a erogare servizi per il lavoro nell'ambito del territorio provinciale
  3. istituzione scolastica e formativa provinciale o istituzione scolastica e formativa paritaria
  4. Università degli studi di Trento o istituzioni dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica con sede nella provincia di Trento

 

Per la specifica dei requisiti e la documentazione da presentare si rimanda all’ Allegato 1 “Criteri per la verifica dei requisiti di accreditamento degli enti titolati a svolgere i servizi di validazione e certificazione delle competenze, termini e modalità di presentazione della domanda di accreditamento”, della deliberazione n. 2240 del 28/12/2017.

Attività previste dall’accreditamento

L’accreditamento viene chiesto per svolgere le attività previste per il servizio di validazione e certificazione delle competenze articolate in quattro fasi:

FASE

 

ATTIVITÀ

ACCESSO

AL SERVIZIO

  1. Informare, illustrare e chiarire il percorso di riconoscimento delle competenze, la sua articolazione, le sue regole, i suoi risultati ed il relativo valore, al fine di favorirne la consapevole partecipazione alle diverse attività.
  2. Acquisire la domanda di accesso al servizio.
  3. Gestire la documentazione richiesta dal servizio secondo le modalità previste dal sistema informativo provinciale a supporto dei servizi di certificazione.
IDENTIFICAZIONE
  1. Fornire informazioni in merito alla redazione del Dossier individuale.
  2. Ricostruire il quadro delle esperienze attraverso la redazione del Dossier individuale.
  3. Pre-codificare le competenze, abilità, conoscenze associabili alle esperienze ricostruite in termini di risultati di apprendimento riferibili a standard professionali presenti nel repertorio provinciale e identificare il profilo o la qualificazione professionale di riferimento per la valutazione.
  4. Verificare gli eventuali prerequisiti in riferimento  al profilo o alla qualificazione professionale identificato/a.
  5. Accompagnare l’utente nella costruzione del Dossier individuale.
  6. Elaborare il Documento di trasparenza come sintesi del Dossier individuale.
  7. Rilasciare all’utente il Dossier individuale formalizzato e il relativo Documento di trasparenza.
  8. Informare rispetto a ogni elemento utile delle fasi successive, ivi comprese indicazioni per le prassi/modalità valutative.
VALUTAZIONE
  1. Assicurare le attività di segreteria tecnica della Commissione di valutazione, la gestione e la cura del procedimento della fase di valutazione nello specifico il supporto alle attività inerenti l’esame tecnico della documentazione e le prove prestazionali.
  2. Mettere a disposizione il Referente del documento di trasparenza ai fini dell’operatività della Commissione di valutazione.
  3. Gestire la documentazione richiesta dal servizio secondo le modalità previste dal sistema informativo provinciale a supporto dei servizi di certificazione.

 

ATTESTAZIONE
  1. Predisporre il Certificato o il Documento di validazione.
  2. Consegnare all’utente il Certificato o il Documento di validazione
  3. Registrare il Certificato o il Documento di validazione.
  4. Gestire la documentazione richiesta dal servizio secondo le modalità previste dal sistema informativo provinciale a supporto dei servizi di certificazione.

Gli enti accreditati svolgono le attività in riferimento alle qualificazioni professionali dei settori economico-professionali (S.E.P.) e relativi processi per i quali intende operare e che sono dettagliati nell’Atlante del Lavoro e delle Qualificazioni .

Come accreditarsi

Per accreditarsi è necessario presentare la domanda tramite l’apposita procedura online che sarà attiva dal 1° Febbraio al 31 marzo 2018.

La documentazione risultante dalla procedura informatica deve essere presentata con una delle seguenti modalità:

  • posta elettronica certificata (Pec), dal proprio indirizzo all’indirizzo dip.conoscenza@pec.provincia.tn.it
  • consegnata a mano, in orario di apertura al pubblico o spedita con posta raccomandata AR al seguente indirizzo:

 

Dipartimento della Conoscenza
Ufficio Programmazione delle attività formative e delle politiche di inclusione e cittadinanza
via Giuseppe Gilli, n. 3
38121 Trento

Dal 1° settembre 2007 la marca da bollo telematica ha sostituito definitivamente quella cartacea e deve risultare visibile sulla domanda o sul documento scansionato oppure vanno riportati gli estremi (giorno e ora di emissione e identificativo di 14 cifre).

A titolo di consultazione, la modulistica può essere visionata qui .
La domanda può essere presentata dal 1° febbraio al 31 marzo 2018.

Tempi per l’accreditamento

La struttura provinciale competente, entro il termine massimo di novanta giorni, adotta il provvedimento di concessione o di diniego dell'accreditamento.

Durata dell’accreditamento

L’accreditamento ha durata triennale dalla data di adozione del relativo provvedimento ed è rinnovabile su domanda dell’ente titolato da presentarsi entro sessanta giorni antecedenti la scadenza della durata del medesimo accreditamento.

Elenco dei soggetti accreditati

La struttura provinciale competente tiene e aggiorna l’elenco degli enti titolati provvedendo alla relativa pubblicazione sul proprio sito internet istituzionale.

Torna all'inizio