Testo ricercato

Cembra Lisignago

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Contà

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Dimaro Folgarida

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Madruzzo

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Porte di Rendena

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Sella Giudicarie

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Tre Ville

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Vallelaghi

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Ville d'Anaunia

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Valdaone

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Bezzecca

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Albiano

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Albiano è un comune di 1.508 abitanti della Provincia di Trento.

Albiano, con le sue frazioni di Barco di Sopra e Barco di Sotto, è collocato nel Trentino orientale, a nord-est del capoluogo, da cui dista una ventina di chilometri. Sul suo territorio vivono circa 1.500 abitanti, detti "Biani" o "Albianesi".

Ala

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Ala è un Comune di 9.034 abitanti della Provincia di Trento

Aldeno

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune


File:Aldeno1.jpgBesenello
Aldeno è un comune di 2.994 abitanti in provincia di Trento. Si trova a circa 10 km a sud-ovest da Trento, sulla sponda destra del fiume Adige.

Amblar

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Collocato alle pendici del Monte Roen tra la Val Avena e il rio di Linor, Amblar è un comune di 226 abitanti della provincia di Trento.

Andalo

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Andalo è un comune di 1.043 abitanti della provincia di Trento.

Sorge su un'ampia sella prativa al centro dell'altopiano Dolomiti di Brenta - Paganella, dominata ad ovest dal Piz Galin (m 2442) ed a est dalla Paganella (m 2125). Il suo territorio rientra in parte nell'area protetta del Parco naturale Adamello-Brenta.

Il centro, di origine medioevo, era un tempo caratterizzato dalla suddivisione in tredici masi (Bortolon, Cadìn, Casa Nova, Clamer, Dos, Fovo, Ghezzi, Melchiori, Monech, Pegorar, Perli, Ponte e Toscana). Tale caratteristica è in parte riconoscibile ancora oggi, sebbene i masi si siano quasi interamente ricongiunti a seguito del considerevole sviluppo urbanistico del paese (ad esclusione del Maso Pegorar che rimane ad oggi ancora visibilmente distaccato dal resto del paese, in posizione panoramica).

A partire dalla metà  del XX secolo, il paese ha conosciuto un notevole sviluppo turismo, diventando in breve un luogo di villeggiatura di primaria importanza. Gli impianti di risalita della Paganella e le numerose strutture ricettive ne fanno una delle località  Trentino più frequentate durante la stagione invernale.

Arco

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune

Il Comune di Arco è si trova ai margini settentrionali della piana dell'Alto Garda a 92 metri sul livello del mare.
È centro storico e culturale di grande interesse e propone una consolidata tradizione di ospitalità  e di turismo.
Una cinta muraria racchiude l'antico borgo medioevale; all'interno dello stesso è opportuno ricordare la presenza di uno dei più esemplari monumenti rinascimentali del Trentino: la Collegiata di Santa Maria Assunta (di scuola palladiana iniziata nel 1613) e, attigua, la fontana del Mosé in stile barocco; sulla piazza si affacciano i palazzi già  dei Conti d'Arco, l'attuale Municipio e palazzo Giuliani; sul lato sinistro troviamo la piazza Marchetti con l'omonimo palazzo (secolo XVI); infine tutta la città  vecchia è caratterizzata da un continuo svolgersi di portali in pietra lavorata, piazza pavimentate in porfido, fontane e popolareschi lavatoi. Non va dimenticato il Castello costruito intorno al XII secolo, costruito in posizione dominante.
Oltre che per la mitezza del suo clima e per la lussureggiante vegetazione mediterranea Arco è famosa nel mondo soprattutto per la sua fama di clinica naturale.
Località  ricca di storia e cultura, mescola a queste un ambiente ecologico particolare e pennellate di un romanticismo che altrove sembra tramontato. I suoi parchi e giardini con le eleganti ville stile liberty e i palazzi rinascimentali si mescolano con la vigorosa cucina trentina e i suoi vini, mix ideale per chi ama lo svago e il relax.
Diverse le ipotesi sul nome di Arco, forse derivante dal latino "arx" (=rocca) o "arcus" (=cerchia) o dal gotico "arch" (=fortezza). La zona fu sicuramente abitata fin dall'epoca della scoperta dei metalli. La Rocca di Arco fu probabilmente voluta da Teodorico. Nel XII° secolo la cittadina fu occupata da Signori bavaresi che ottennero dal vescovo di Trento Altemanno l'investitura sul feudo di Arco col titolo di conti. Arco subì le varie dominazioni degli Scaligeri, dei Visconti e di Venezia, per passare al principe di Tirolo e agli Asburgo. Alla fine della prima guerra mondiale fu assegnata al Regno d'Italia. Tra gli altri, ha dato i natali al pittore Giovanni Segantini.
La località  turistica è favorita da un clima particolarmente mite anche nelle stagioni intermedie ed invernali.
Oltre alle escursioni da anni si pratica, sulle palestre di roccia, il free climbing.
Nei dintorni la zona di "Laghel" è caratterizzata da fenomeni carsici e dalla presenza di Marmitte dei Giganti.

Bedollo

Pubblicato il Lunedì, 12 Giugno 2017 - Comune


Bedollo è un comune di 1.420 abitanti della provincia di Trento. Il paese è dolcemente poggiato su una dorsale del monte che la sovrasta e gode di una spettacolare vista sui propinqui Lago delle Piazze e Lago della Serraia posti nella piana di Baselga di Pinè. La vicina frazione di Pitoi si distingue per la presenza di un ameno borgo storico, recentemente ristrutturato, che offre esclusivi scorci panoramici sulle Alpi altoatesine.

Torna all'inizio