Alla Campana dei Caduti la cerimonia inaugurale della First​® Lego​®​ League Italia

Scelto un luogo simbolo, fra i presenti vi era il presidente Ugo Rossi
È stato scelto un luogo simbolo dell'unità tra i popoli, di pace e dei valori di convivenza e fraternità, per la cerimonia inaugurale della First® Lego® League Italia, la finale nazionale del campionato di scienza e robotica a squadre per ragazzi dai 9 ai 16 anni. Maria Dolens, la Campana dei Caduti sul colle di Miravalle a Rovereto ha infatti accolto stamattina i circa 300 studenti provenienti da tutta Italia e vincitori delle fasi regionali, insieme ai loro accompagnatori.
Oltre ai partecipanti, agli organizzatori e alle giurie scientifiche, diverse erano le autorità presenti: il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi, il vicesindaco di Rovereto Cristina Azzolini, l'assessore al Turismo del Comune di Rovereto Ivo Chiesa, Anna Brancaccio, dirigente del MIUR- (Ministero Istruzione Università e Ricerca, nonché il presidente della Fondazione Museo Civico di Rovereto Giovanni Laezza, operational partner per l'Italia della manifestazione, il direttore Alessio Bertolli e il reggente della Fondazione Opera Campana dei Caduti Alberto Robol.

Il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi, nel dare il benvenuto in Trentino agli oltre 300 ragazzi e ragazze che partecipano alla competizione di robotica ha voluto chiedere loro un aiuto: “Siete qui in un luogo simbolico e importante, i rintocchi di questa Campana echeggiano in tutto il mondo, allo stesso modo vi chiedo di far sentire con i vostri applausi risuonare ovunque la parola pace”. Infine un ringraziamento, il governatore Rossi, lo ha voluto rivolgere agli enti che organizzano questa manifestazione, una delle più importanti per la categoria in Italia e nel mondo, ovvero la Fondazione Museo Civico di Rovereto, insieme a Comune, Miur, nonché alla Fondazione Opera Campana che ha ospitato la cerimonia inaugurale.
Anche il presidente della Fondazione Museo Civico di Rovereto Giovanni Laezza, nel ricordare i numeri record di questa edizione, con più di 2500 ragazzi impegnati in tutta Italia e 300 mila in tutto il mondo, oltre a ringraziare la Provincia, il Comune di Rovereto, il MIUR e gli sponsor Dolomiti Energia, Trentino Sviluppo/Polo della Meccatronica e BIM dell'Adige, ha ribadito: "I ragazzi che partecipano alla finale della FIRST​® LEGO​®​ League Italia sono delle eccellenze italiane nel campo scientifico, non a caso si trovano in un territorio che valorizza i giovani e crede nell'innovazione e nella ricerca. Alla fine del 2019 ci sarà il rinnovo dell'accordo tra la Fondazione Museo Civico, LEGO e FIRST, e nei prossimi anni ci si auspica che ci sia sempre maggiore sostegno e sinergia tra istituzioni e realtà imprenditoriali, tale da far crescere ulteriormente la manifestazione".
I trecento ragazzi provenienti da tutta Italia in questi due giorni aguzzeranno l'ingegno, seguendo però le regole del fair play, nella finale della FIRST​® LEGO​®​ League Italia, la gara mondiale di scienza e robotica che vede quest'anno 300 mila ragazzi di 88 nazioni in tutto il mondo confrontarsi sul tema dell'acqua. La squadra che risulterà la migliore, accederà di diritto alla Finale Mondiale che si svolgerà a Detroit, e altre 5 squadre parteciperanno agli eventi internazionali di Tallin in Estonia e di Debrecen in Ungheria. In programma vi sono poi tanti momenti di intrattenimento anche nel corso delle gare, che sono aperte al pubblico a ingresso gratuito; la conclusione sarà in piazza Rosmini venerdì alle 17. Fra gli ospiti d'onore, per una testimonianza sui valori del fair play e del gioco di squadra, ci saranno Alessandra Campedelli, coach Fipav della nazionale italiana atlete sorde volley, argento alle recenti olimpiadi per sordi in Turchia, che sarà presente giovedì pomeriggio verso le 14.45 al Palazzetto, e Jorge Gutierrez dell'Aquila Basket/Dolomiti Energia Trento, venerdì mattina sempre al Palazzetto.

La manifestazione è patrocinata dalla Provincia autonoma di Trento e dal MIUR - Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che ha riconosciuto alla Fondazione Museo Civico, referente organizzatore e Operational Partner per l'Italia, un ruolo di rilievo nella robotica educativa e nella valorizzazione delle giovani eccellenze scientifiche; inoltre vede la collaborazione di: Comune di Rovereto, APT di Rovereto e Vallagarina, Media Direct Srl, Società Museo Civico di Rovereto, Istituto “Don Milani” di Rovereto, con la partecipazione dell’Associazione Nazionale Presidi, della Fondazione Campana dei Caduti, della Fondazione Rita Levi Montalcini e dell’Istituto Rainerum di Bolzano.

La video-intervista al presidente Rossi:

" >
 

Riprese a cura dell'Ufficio Stampa

Torna all'inizio