Progetto Scuola e Montagna

Il Progetto favorisce l’avvicinamento dei giovani al territorio di appartenenza, offre opportunità di pratiche sportive in ambiente naturale e favorisce lo studio della cultura della montagna e dei suoi valori attraverso un percorso formativo di tre giorni

Quali sono gli obiettivi

Il Progetto Scuola Montagna mira a favorire l’avvicinamento dei giovani al territorio di appartenenza, offrendo opportunità di pratiche sportive in ambiente naturale e favorendo lo studio della cultura della montagna e dei suoi valori.
Questo facendo entrare nella scuola il territorio e, viceversa, facendo uscire la scuola sul territorio, con il coinvolgimento di tutti gli studenti trentini chiamati ad acquisire, in modo graduale e continuativo, conoscenze e abilità specifiche nelle attività relative all'ambiente della montagna, estivo e invernale e all’ambiente antropico: usi e costumi/sicurezza e prevenzione. 

A chi si rivolge

  • per quanto riguarda la formazione, agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado con competenze di ambito naturalistico (insegnanti di educazione fisica, scienze, materie umanistiche, biologia, ecc.)
  • per quanto riguarda i percorsi di apprendimento, agli studenti delle scuole medie e del primo triennio delle scuole superiori

 Cosa prevede

Il progetto si articola in tre direzioni:

  • la formazione di insegnanti coordinatori d’ambito, che avranno il compito di favorire la realizzazione di attività in ambito naturalistico, anche seguendo le indicazioni scaturite dalla pubblicazione del “Curricolo della Montagna” a cura di IPRASE e Accademia della Montagna. La funzione dei docenti referenti per il Progetto Scuola Montagna è di stimolo, aggregazione e coordinamento di attività svolte nei diversi Istituti scolastici
  • l’attivazione di un percorso formativo in ambiente naturale per gli studenti, denominato "100 classi in montagna", in collaborazione con il CONI, che si impegna a realizzare il programma didattico indicato dal Servizio istruzione
  • l'attivazione di un percorso formativo sulla neve  denominato "100 classi sulla neve", in collaborazione con il CONI, che si impegna a realizzare il programma didattico indicato dal Servizio istruzione

In cosa consistono i percorsi formativi

Il percorso formativo in ambiente naturale varia in relazione al programma di aggiornamento rivolto ai coordinatori d’ambito e si svolge nell'arco di 3 giornate.
Lo schema prevede una serie di attività da svolgersi con l’affiancamento di tecnici federali e laureati in scienze motorie (Nordic Walking, Orienteering, Arrampicata Sportiva, Rafting, ecc.). Possono essere previste anche escursioni in base all'offerta del territorio (castelli, forre, ecc.).
I 3 giorni di attività mirano a fornire agli studenti partecipanti le competenze di base delle discipline svolte in ambiente naturale, sottolineando l'importanza dello scambio di emozioni offerte dalla Montagna.

Il  percorso formativo sulla neve prevede 5 uscite pomeridiane presso le stazioni sciistiche di prossimità, con l'obiettivo di favorire l'avvicinamento agli sport della neve per un ampio numero di studenti (circa 4000).

Come partecipare

In collaborazione con IPRASE viene definito il programma di formazione e aggiornamento rivolto ai coordinatori d’ambito che contiene materie e argomenti motori e scientifici riferiti al percorso formativo che verrà proposto agli alunni.
Entro l’inizio dell’anno scolastico la proposta formativa e di aggiornamento viene inviata a tutti gli Istituti.
I dirigenti scolastici nominano i coordinatori individuati tra gli insegnanti con competenze motorie e di ambito naturalistico, ai quali propongono il percorso formativo.
A seguito del percorso di aggiornamento degli insegnanti, il Servizio infanzia definisce i contenuti del percorso educativo da proporre alle classi.

Quali sono le figure coinvolte

Oltre agli insegnanti coordinatori d’ambito, opportunamente formati da IPRASE, il progetto si avvale della collaborazione del CONI-Comitato provinciale di Trento che provvede alla realizzazione del progetto  secondo le linee dettate dal Servizio istruzione (raccolta quote presso gli Istituti, contrattualizzazione dei Tecnici sportivi, programmazione delle attività).
Il Progetto è realizzato in collaborazione con l’Istituto Provinciale per la Ricerca e la Sperimentazione Educativa - IPRASE e l’Accademia della Montagna.

Quando aderire

Il CONI, in accordo con il Servizio infanzia - area Educazione Fisica e Sportiva, invia il programma alle scuole, chiedendo la restituzione del modulo di pre-adesione di classi e/o gruppi di studenti entro il mese di ottobre.I gruppi possono essere formati da alunni provenienti da classi diverse, in modo tale da formare gruppi di almeno 25 persone.

Costi

La quota di partecipazione a carico degli alunni viene definita di anno in anno in base alla tipologia dell’offerta.

Torna all'inizio