QUELLO CHE I BAMBINI VOGLIONO, POSSONO E NON POSSONO FARE

Una lettura in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza - 20 novembre 2020

Quali sono le cose che i bambini possono fare e non fare? E quali sono quelle che possono decidere di non voler fare? Possono vivere un tempo lento? Annoiarsi e avere voglia di fare niente? Possono pensare pensieri curiosi e non essere sempre tenuti per mano?

Pensare ai bambini e alle bambine, riconoscendoli come soggetti competenti, capaci di imparare e pensare in modo autonomo, è il primo passo per riconoscere i loro diritti.

È con le parole in rima di Giusi Quarenghi che vogliamo ricordare la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che si celebra in tutto il mondo il 20 novembre. 

Era il 1989 quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York approvò la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia. Negli anni successivi venne approvata da 196 Paesi, tra i quali l'Italia che ratificò la Convenzione nel 1991.

Fulcro della Convenzione è la protezione del rispetto dei diritti umani dei bambini, primo fra tutti quello della non discriminazione: di razza, sesso, età, lingua, religione e condizioni economiche. Ogni bambino e ogni bambina fin dalla nascita deve quindi godere degli stessi diritti, tra cui avere diritto a un nome, essere istruiti ed essere tutelati dalla sicurezza sociale per evitare ogni tipo di sfruttamento.

La Convenzione riconosce anche ai bambini e alle bambine il diritto alla libertà di espressione e opinione che comporta di conseguenza il diritto ad essere ascoltato. Pescando a piene mani dall'albo illustrato “Si può”, edito da Panini, cerchiamo di metterci in ascolto di ciò che ci dice l'infanzia, di ciò che i piccoli possono e non possono fare, vogliono e non vogliono fare. Piccole grandi azioni di tutti i giorni, idee importanti e leggere che aprono il pensiero dell'adulto e lo accompagnano in una posizione di ascolto e di cura.

Per non dimenticare mai il grande dono e il grande compito che ogni bambino porta con sé.


Immagini e parole tratte dal libro “Si può” di Giusi Quarenghi e Alessandro Sanna, Franco Panini Editore. 
Si ringrazia l'Editore per aver concesso la lettura di questo libro in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

La Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

Torna all'inizio