Concorso docenti: precisazioni in ordine all’obbligo di tampone

Relativo al procedimento straordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado
In conformità a quanto previsto dal Ministero dell'Istruzione - Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione con nota prot. n. 234 del 11 febbraio, variano le indicazioni rivolte ai candidati iscritti al concorso straordinario per il personale docente della Scuola secondaria di primo e secondo grado in merito all’obbligo di presentazione di tampone negativo all’ingresso alla sede concorsuale.

Il Ministero dell’Istruzione ha infatti stabilito che solamente i candidati provenienti dalle aree classificate a livello di rischio alto (“zone rosse”) dovranno presentare, all’atto dell’ingresso nell’area concorsuale, un referto relativo ad un test antigenico rapido o molecolare, effettuato mediante tampone oro/rino-faringeo presso una struttura pubblica o privata accreditata/autorizzata in data non antecedente a 48 ore dalla data di svolgimento delle prove. La stessa previsione vale per i candidati che svolgano la prova presso sedi collocate nelle “zone rosse”. 

Per i candidati che non provengono da zona rossa, sarà  sufficiente compilare l’autodichiarazione scaricabile dal portale “Vivoscuola”  avendo cura di barrare l’opzione relativa alla non provenienza da "zona rossa".
 
 

Torna all'inizio