“Territori, comunità e apprendimenti”: formazione e pratiche di educazione degli adulti

Due webinar per "Aspettando Educa"
Nella mattinata di venerdì 13 novembre ci sarà un confronto a distanza a partire dalla formazione degli adulti che l’attuale emergenza Covid-19 sembra aver incrementato sul web. Le occasioni culturali producono una conoscenza divenuta globale. Riuscire a trovare identità adeguate e specifiche rispetto alle nuove forme di apprendimento è la sfida che oggi si trova ad affrontare il sistema universitario italiano e le molteplici esperienze di educazione non formale come le Università della terza età, degli adulti e popolari.
Il seminario è promosso da Fondazione Franco Demarchi insieme alla Ruiap, la Rete universitaria per l’apprendimento permanente, dal Dipartimento istruzione e cultura della Provincia autonoma di Trento e dall’Università di Trento.
L’iniziativa rientra nella proposte di “Aspettando Educa” e sarà anche un’occasione per celebrare i 40 anni dell’Università della terza età e del tempo disponibile trentina, promossa e gestita dalla Fondazione Demarchi.

Se da tempo la pluralità di territori e contesti di vita, lavorativi, amministrativi, culturali, sociali, istituzionali, ha connotato e distinto i processi educativi degli adulti, recentemente tale tendenza è andata accelerando e ulteriormente modificandosi. L’attuale emergenza Covid-19, inoltre, ha incrementato la frequentazione, anche a scopi culturali e formativi, dei territori del web e dei social media, incidendo significativamente sulle forme dell’apprendimento e della cultura.
Il sistema universitario italiano è sfidato oggi dalla realizzazione della propria “terza missione”, purtroppo ancora assai carente per diffusione territoriale e qualità dell’offerta. E le numerose esperienze di educazione non formale (un tempo prevalentemente denominate Università della terza età, degli adulti, popolare) faticano a trovare identità adeguate alle sfide di apprendimento degli adulti oggi. Anche il mondo dell’educazione informale oscilla tra suggestioni emotive, business e difficoltosa integrazione nei processi formativi più ampi di crescita della conoscenza a livello nazionale e globale.
I 40 anni che sono trascorsi dalla costituzione dell’Utetd trentina e, prima ancora, le esperienze territoriali di educazione degli adulti costituiscono un patrimonio storico che richiede oggi una rivitalizzazione e uno sforzo di innovazione, considerando che le prime Università popolari italiane sono partite all’inizio del Novecento.
“La sfida della formazione degli adulti” è il titolo per primo webinar (13 novembre, ore 9-10.45) che, a partire dalle tematiche riportate vedrà un confronto sui cambiamenti e i nuovi elementi di qualità delle offerte di educazione degli adulti, sui processi di apprendimento specifici e ricorrenti, sui rapporti tra la “terza missione” nell’Università e le più originali esperienze di educazione non formale e informale.
Ad aprire il seminario interverrà Roberto Ceccato, dirigente del Dipartimento istruzione e cultura della Pat. I temi saranno introdotti da Paola Iamiceli dell’Università di Trento, Laura Formenti, presidente dalla Ruiap e Piergiorgio Reggio, presidente della Fondazione Franco Demarchi. A confrontarsi su territori, comunità e apprendimenti nell’educazione degli adulti interverranno Sergio Tramma dell’Università Bicocca di Milano, Piergiuseppe Ellerani dell’Università del Salento e Silvia Sacchetti dell’Università di Trento. Marcella Milana della Ruiap e dell’Università di Verona modererà il confronto.

Nel secondo webinar titolato “Le pratiche di educazione degli adulti” (13 novembre, ore 11-13) saranno condivise le esperienze territoriali di educazione degli adulti, che costituiscono un patrimonio ingente. Attraverso testimonianze di esperienze territoriali differenti si proveranno ad individuare quali siano, in una prospettiva di educazione permanente, le specificità dei processi di apprendimento e i nuovi elementi di qualità delle offerte formative.
Francesca Rapanà, consigliera della Fondazione Franco Demarchi, coordinerà le testimoniante di Gaia Volta, manager territoriale, Laura Antonacci, responsabile Utetd della Fondazione Franco Demarchi e Fausta Scardigno dell’Università di Bari.

I due webinar sono gratuiti e si potranno seguire in diretta sul canale YouTube e pagina Facebook di Educa.

Torna all'inizio