Progetto TASC

Insegnanti e studenti migliorano insieme il clima scolastico potenziando le competenze sociali ed emotive

Cosa 

Il progetto TASC (Teachers And Students improving school Climate together) è un progetto europeo in linea con le indicazioni del Piano Strategico Provinciale per quanto riguarda lo sviluppo dell’identità degli studenti rispetto al territorio di appartenenza, e lo sviluppo di competenze trasversali in un’ottica di maggiore civismo e cittadinanza.
Il progetto coinvolge istituzioni scolastiche e formative di quattro paesi europei (Italia, Spagna, Lituania, Turchia) e prevede lo svolgimento di attività di sviluppo professionale e di sperimentazione rivolte ai dirigenti scolastici e ai docenti, lo sviluppo di strumenti
didattici per gli studenti e la predisposizione di sistemi di valutazione formativa delle competenze non cognitive e trasversali. Al termine del percorso verrà prodotto un manuale finale con le indicazioni operative per le scuole e i sistemi educativi di riferimento.

Obiettivi e contenuti

Scopo del progetto è quello di potenziare il benessere degli studenti a scuola e in classe, il relativo senso civico e il coinvolgimento sociale nei territori di appartenenza, per ridurre il rischio di incorrere in situazioni di disagio e di insuccesso formativo, attraverso lo sviluppo delle loro competenze non cognitive e trasversali.

Negli ultimi decenni si è sviluppato un dibattito interdisciplinare sulla possibilità di considerare tipologie di caratteristiche individuali, oltre alle tradizionali di natura “accademica” e cognitiva, per spiegare il successo formativo e, più in generale, l’acquisizione dello status di cittadino adulto, responsabile e attivo partecipante nella vita quotidiana.

Attualmente l’interesse è rivolto alle cosiddette “competenze non cognitive” (in inglese “non-cognitive skills”). Ad oggi, non esiste una definizione univoca di tali competenze, ma in genere gli ambiti a cui si fa riferimento, nella sfera individuale, sono quelli emotivi, psico-sociali e legati alle caratteristiche di personalità. Tali competenze vengono considerate strategiche, in un’ottica evolutiva, per i percorsi di carriera (formativi e lavorativi) successivi, e per un’adeguata esperienza di vita come cittadino “a tutto tondo”.

Le competenze non cognitive possono essere considerate contemporaneamente sia delle risorse individuali (e dunque “performative”, che servono per raggiungere degli obiettivi, per i nostri studenti, a scuola e nelle attività di apprendimento), sociali, relazionali (la classe per lo studente, o il gruppo di pari al di fuori della scuola), sia istituzionali (la scuola, le reti di scuole e tutti gli altri soggetti che possono contribuire al loro sviluppo nei singoli studenti, e che rendono, di fatto, resiliente un intero territorio). Esse sono educabili e potenziabili soprattutto durante l’esperienza scolastica dei ragazzi, fortemente influenzate e ancorate ai contesti, soprattutto considerando i livelli di clima psicologico che tali contesti riescono ad esprimere. Quando i contesti vengono messi a rischio, come nel caso dei lockdown, essi  necessitano di un ulteriore investimento in termini di “presenza sociale” da parte di docenti e studenti.

Destinatari

Il progetto è rivolto a:

  • dirigenti scolastici
  • docenti
  • studenti/sse di scuola secondaria di primo e secondo grado trentini, italiani, spagnoli, lituani e turchi

Attività

Il progetto TASC considera il clima in classe elemento fondamentale per la qualità dell'insegnamento e del processo di apprendimento a scuola. Il clima scolastico è influenzato dagli eventi che segnano la storia della classe,  dalle relazioni reciproche (tra studenti, tra studenti e insegnanti), dallo sviluppo personale degli studenti e dalle caratteristiche del gruppo classe. Esso influenza a sua volta il successo generale degli studenti, il loro sviluppo personale, la loro motivazione all'apprendimento e la loro immagine di sé, così come la qualità del lavoro dell'insegnante. Definito comunemente come fenomeno partecipativo, il clima in classe è inoltre plasmato dai metodi di gestione della classe, delle regole impartite, dall'organizzazione della classe e della cultura scolastica; in altre parole, è il risultato di un processo cooperativo e co-costruttivo in cui tutte le persone coinvolte hanno un ruolo attivo, sia a livello conscio che inconscio. Tale prospettiva è in linea con il costruttivismo sociale, la teoria dell'apprendimento che evidenzia il significato delle interazioni sociali e il ruolo della cultura nella creazione della conoscenza, e che rappresenta - insieme ad altre prospettive teoriche come il post-modernismo, l’approccio ai sistemi complessi, il post-strutturalismo, la prospettiva narrativa e l’approccio focalizzato sulla soluzione - il quadro di riferimento epistemologico  entro il quale collocare gli strumenti sviluppati nell’ambito del progetto TASC. Su queste basi teoriche il progetto TASC ha identificato il curriculum TASC C.L.A.S.S. per la gestione del clima in classe, ovvero un insieme di attività e pratiche per lo sviluppo di competenze non cognitive ritenute importanti per facilitare il miglioramento del clima scolastico.

Attività rivolte a docenti e dirigenti scolastici delle scuole secondarie di primo e secondo grado

Formazione per docenti e dirigenti scolastici in cui l’attività formativa e di sviluppo professionale, supportata da una piattaforma dedicata per l’applicazione pratica immediata nella realtà di classe, prevede un focus sulle pratiche e sulle strategie educative e di insegnamento possibili che i docenti possono sviluppare e applicare per la gestione del clima di classe, lo sviluppo delle competenze non cognitive dei propri studenti e il relativo potenziamento del successo formativo.

Attività rivolte a studenti e docenti (di tutte le materie) delle scuole secondarie di primo e secondo grado

Agli studenti, con la mediazione dei docenti, verrà messa a disposizione una “cassetta degli attrezzi”, con un insieme di pratiche e strategie per fronteggiare situazioni problematiche in classe e per promuovere un clima positivo tra compagni e con i docenti; tali pratiche e strategie potranno poi essere applicate anche in situazioni esterne alla realtà di classe (famiglia, gruppo di pari, quartiere, ecc.), per potenziare gli effetti sui comportamenti civici e di cittadinanza attiva.

Cliccando sul pulsante sottostante è possibile saperne di più sul framework del progetto TASC e sulle pratiche educative ideate per sviluppare le competenze non cognitive.

PORTFOLIO DELLE PRATICHE EDUCATIVE di TASC

Il progetto si conclude con il rilascio di un manuale con le indicazioni operative, rivolte ai soggetti che governano il sistema educativo, ma anche agli stessi docenti, per la gestione di processi di potenziamento delle competenze non cognitive degli studenti per migliorare i climi in classe, a scuola e in generale la convivenza tra adolescenti. Una parte del manuale verrà dedicata al tema della valutazione e certificazione delle competenze degli studenti, per attribuire valore allo sviluppo di tali abilità e capacità utili per migliorare il clima di classe e la convivenza tra pari.

Il progetto prevede due eventi di condivisione degli esiti di progetto, uno intermedio e uno finale, per la diffusione del manuale sviluppato nell'ambito del progetto.

Partenariato

Il progetto TASC coinvolge istituzioni educative e formative, aziende di consulenza, organizzazioni non profit esperte nell’ambito del coaching e dell’approccio narrativo e basato sulle soluzioni, università e scuole di formazione professionale dislocate in quattro paesi europei.

Capofila:
Provincia Autonoma di Trento

Partner: 

  • EOLAS S.L. – Spagna
  • Associazione Culturale RHIZOMA – Italia
  • Vytauto Didžiojo Universitetas – Lituania
  • Özel Elazığ Marmara Mesleki ve Teknik Anadolu Lisesi (Scuola di formazione professionale) - Turchia

Periodo di svolgimento

Ottobre 2020 - Settembre 2022

Immagine alt:

 

Immagine alt:
Torna all'inizio