Facilitatore linguistico per l’insegnamento dell’italiano agli stranieri

Il facilitatore linguistico è un docente o un esperto esterno alla scuola che facilita l’apprendimento dell’italiano da parte degli studenti stranieri

Chi è

Il facilitatore linguistico è un docente o un esperto esterno alla scuola che facilita l’apprendimento dell’italiano da parte degli studenti stranieri.

Il facilitatore linguistico:

  • promuove l’apprendimento dell’italiano come seconda lingua (L2) a studenti di madrelingua non italiana
  • supporta l’attività dei docenti delle varie materie, collabora nella programmazione e valutazione degli interventi da realizzare

Requisiti per l'iscrizione nell'elenco provinciale dei facilitatori linguistici

L’elenco provinciale dei facilitatori linguistici:

  • ha carattere informativo circa la formazione e le competenze degli iscritti
  • è messo a disposizione delle istituzioni scolastiche
  • non è una graduatoria e per questo le chiamate per incarichi di lavoro non devono rispettare alcun ordine prestabilito
  • è aggiornato ogni due anni
  • è articolato in 3 sezioni come di seguito indicato:
    - Sezione A - facilitatori linguistici docenti tempo indeterminato nell'ambito delle istituzioni scolastiche e formative provinciali
    - Sezione B - facilitatori linguistici docenti abilitati inseriti nelle graduatorie provinciale per titoli e/o nelle graduatorie di istituto e docenti inseriti nelle graduatorie biennali degli istituti di formazione professionale provinciale
    - Sezione C - operatori facilitatori linguistici in qualità di esperti esterni

 

Per iscriversi nell'elenco provinciale dei facilitatori linguistici è necessario:

  • avere cittadinanza italiana o di altro Stato appartenente all'Unione Europea o equiparati come previsto dalla normativa vigente
  • non avere subito condanne penali per i reati previsti dagli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale, ovvero sanzioni interdittive dagli incarichi nelle scuole o ad attività che comportino contatti diretti e regolari con persone minori di età e in possesso

 

e possedere almeno uno dei requisiti per ciascuno dei seguenti punti:

A. Conoscenza della lingua italiana
  • diploma di scuola secondaria di secondo grado (di durata quinquennale) conseguito presso istituzioni scolastiche italiane con insegnamento impartito in lingua italiana
  • diploma di laurea almeno triennale o titolo superiore conseguiti presso una università italiana
  • diploma di laurea e abilitazione, ottenuti all'estero, in italiano quale lingua straniera
  • avere una competenza certificata in italiano corrispondente al livello C2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue elaborato dal Consiglio d’Europa
B. Titolo di studio
  • diploma di laurea almeno triennale
  • diploma magistrale o liceo psicopedagogico conseguiti entro e non oltre l’anno scolastico 2001-2002
C. Formazione
  • titolo di specializzazione in Italiano Lingua 2 riconosciuto dal Ministero istruzione università e ricerca - MIUR (D.M. 23 febbraio 2016 n. 92 “Riconoscimento dei titoli di specializzazione in Italiano Lingua 2”)
  • percorso formativo volto all'apprendimento delle modalità di insegnamento dell’italiano come seconda lingua di almeno 180 ore organizzato dalla Provincia autonoma di Trento negli anni scolastici 2007/2008, 2009/2010, 2010/2011, 2011/2012
  • percorso formativo in didattica dell’italiano come L2 di almeno 20 CFU (crediti formativi universitari) con esame finale e rilascio di un attestato di frequenza del percorso e di superamento dell’esame
  • percorso formativo volto all'apprendimento delle modalità di insegnamento dell’italiano come seconda lingua, pari ad almeno 20 ore, organizzati dalla Provincia autonoma di Trento fino al 2015, unitamente ad uno dei seguenti titoli:
    - almeno 15 crediti formativi universitari (CFU) in materia di didattica dell’italiano agli stranieri
    - almeno 180 ore di formazione volta all'apprendimento delle modalità di insegnamento dell’italiano come seconda lingua, organizzata da enti pubblici o da enti accreditati dalla pubblica amministrazione
    - aver prestato per almeno cinque anni scolastici, attività di insegnamento presso le istituzioni scolastiche italiane all'estero ai sensi della normativa statale vigente

Iscrizione/inserimento nell'elenco provinciale dei facilitatori linguistici

Termini per l’iscrizione e l'aggiornamento dell’elenco: dal 1° al 30 luglio 2019

Per ottenere o mantenere l’iscrizione nell'elenco, gli interessati devono presentare la richiesta all'Ufficio per le politiche di inclusione e cittadinanza del Dipartimento istruzione e cultura - Servizio Istruzione, Via Gilli 3, 38121 Trento, utilizzando il modulo denominato "Dichiarazione sostitutiva di certificazione e dell'atto di notorietà ai fini dell'iscrizione nell'elenco provinciale dei facilitatori linguistici":

 

Il MODULO compilato può essere presentato con una delle seguenti modalità:

  • invio mediante posta elettronica o Posta Elettronica Certificata all’indirizzo: serv.istruzione@pec.provincia.tn.it, con allegata scansione del modulo con firma autografata e scansione del documento di identità
  • consegna agli sportelli decentrati di assistenza e di informazione della Provincia autonoma di Trento, che rilasciano ricevuta attestante la data di consegna https://comefareper.provincia.tn.it/Sportelli-per-il-pubblico
  • lettera raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata all’Ufficio per le politiche di inclusione e cittadinanza del Dipartimento istruzione e cultura - Servizio Istruzione, Via Gilli 3, 38121 Trento, con allegato il modulo con firma autografata e fotocopia di un documento di identità
  • consegna a mano con contestuale rilascio della ricevuta presso l’Ufficio per le politiche di inclusione e cittadinanza del Dipartimento istruzione e cultura - Servizio Istruzione, Via Gilli 3, 38121 Trento (6° piano stanza 6.33) dal lunedì al venerdì alle ore 9.00 alle 12.45 e il giovedì anche dalle 14.30 alle 15.30

 

Maggiori dettagli e informazioni sono contenuti nell’allegato 1 della del. n. 854 del 07/06/2019 .

Torna all'inizio