Attività delle segreterie a supporto dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione

Adempimenti per le procedure degli esami di Stato conclusivi a carico delle segreterie

Di cosa si tratta

Adempimenti per le procedure degli esami di Stato conclusivi del primo ciclo d'istruzione a carico delle segreterie delle scuole medie a carattere statale e paritario e delle scuole superiori in cui sono presenti i centri EDA (Educazione per Adulti).
Tali adempimenti preparano l’esame e attuano quanto indicato dalle circolari MIUR, dalle circolari della Provincia Autonoma di Trento e tengono conto delle tipologie di studenti che sosterranno gli esami.

Cosa fanno le segreterie

Le segreterie supportano l’attività del Dirigente, in qualità di Presidente (o suo sostituto), nella preparazione dell’Esame, nella stesura degli atti preparatori dell’assemblea preliminare e nell'espletamento di tutte le formalità legate alle procedure d'esame.
Le segreterie contribuiscono alla regolarità e al buon esito delle procedure d'esame e devono essere in grado di rispondere alle tutte le esigenze dei componenti delle Commissioni e dell’Amministrazione provinciale.
In particolare, le segreterie sono tenute a:

  • coadiuvare le Commissioni di esame nella predisposizione dei documenti relativi alla verbalizzazione dell’iter procedurale degli esami del primo ciclo
  • attivarsi al fine di ottenere le prove di verifica speciali INVALSI per i ragazzi tutelati da particolari normative (LEGGE 5 febbraio 1992, n. 104 o altro)
  • mantenere i contatti con l'ufficio I.s. esami di stato, sia nel caso di malattie dei candidati per i quali dovranno essere attivate le sessioni suppletive, sia per ottenere le password connesse alle procedure d'esame (INVALSI, relazione finale Presidente o altro)
  • curare i contatti scuola-famiglia per stabilire, nel caso di candidati con certificazione DSA, i sistemi compensativi e/o dispensativi adeguati, LEGGE  8 ottobre 2010, n. 170   in particolare in presenza di Programma Educativo Personalizzato
  • controllare che sia rispettata la normativa nel caso di programmi per studenti privatisti o che seguono programmi speciali e nel caso di studenti stranieri
  • verificare quanto previsto all’OM 533 di data 01/08/2017 in merito alla preparazione delle sessioni straordinarie EDA previste per gli studenti stranieri e verificare la regolarità degli eventuali patti formativi formulati dall’Istituto frequentato
  • inviare al Servizio per il Personale della Provincia Autonoma di Trento le rendicontazioni che consentono il calcolo dei compensi spettanti ai Commissari di esame

Adempimenti per l'esecuzione delle prove INVALSI

È necessario predisporre le aule sia in termini logistici che informatici affinché sia possibile l’esecuzione delle prove INVALSI secondo quanto previsto agli artt. 7 e 9 del D.lgs 62/2017   e nota MIUR 1865 del 10/10/2017.
Lo svolgimento di queste prove è obbligatorio al fine dell’ammissione all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione.
I test sono somministrati in modalità "Computer Based" (CBT), online, mediante l’utilizzo dei più diffusi sistemi operativi. Per questo deve essere preventivamente verificata e garantita la funzionalità e la qualità del collegamento a internet delle postazioni e delle strumentazioni hardware e software che saranno utilizzate a questo scopo.
La somministrazione può essere organizzata per classe, per parti di classe, ma anche per singolo allievo (BES, assenze da recuperare ecc.). Si consiglia di distribuire le prove nell'arco di tre giornate distinte, una per ciascuna materia: italiano, matematica, inglese.
La somministrazione "Computer Based" (CBT) attinge ad una banca dati costituita da un elevato numero di prove differenti nella forma, ma con la stessa difficoltà complessiva e la stessa modalità di composizione.
La novità consiste nel fatto che la correzione della prova INVALSI è totalmente centralizzata e la trasmissione dei dati è automatica e contestuale alla chiusura del test da parte dello studente.

Nei primi tre mesi dell’anno, le segreterie devono:

  • attivarsi, secondo le indicazioni fornite da MIUR e da INVALSI, per abilitare gli studenti alle simulazioni che vengono messe a disposizione online prima dell’esame stesso
  • accedere all'area riservata in SIDI per formare l’elenco dei candidati che dovranno sostenere le prove che potranno essere differenziate per alunni interni o privatisti, con certificati dsa o disabilità

Le scadenze che devono essere rispettate di anno in anno sono quelle indicate da INVALSI.

 

Torna all'inizio